karuna:

sentire con

Il sistema Karuna trae origine dal Reiki Usui e Reiki Tibetano.

E' stato sistematizzato da un famoso Reiki Master americano: William Lee Rand, fondatore, tra l'altro, dell'International Center for Reiki Training.

 

Il termine Karuna viene tradotto dal sanscrito con "azione compassionevole".

Compassione è una parola che deriva dai termini latini cum-patire e sta ad indicare la capacità di ognuno di essere partecipe del "sentire" dell'altro (non inteso in maniera riduttiva in senso negativo del "soffrire").

La compassione riflette l'anelito del cuore ad immedesimarsi nell' altro .

Nel buddismo, la compassione è un sentimento considerato portatore del desiderio del bene per gli altri.

 

Ovviamente questa capacità, per essere sostanziale e non un mero moto psicologico, deve portare con se un rimando all'Unità (io e l'altro siamo la stessa cosa).

Proprio per questo la caratteristica vibratoria principale dell'energia Karuna è estremamente dolce e accogliente ed ha in se una frequenza altissima.

 

Anche il simbolo del Karuna Reiki, che richiama il mandala di Anahata Chakra (il Chakra del cuore), riporta proprio a queste caratteristiche.


«Compassione e pietà sono assai differenti. Mentre la compassione riflette l'anelito del cuore a immedesimarsi e soffrire con l'altro, la pietà è una serie controllata di pensieri intesi ad assicurarci il distacco da chi soffre. La compassione è la risposta spontanea dell'amore; la pietà l'involonario riflesso della paura.»

PAUL C. ROUD